Post

Pane del corpo e pane dell'anima

Immagine
Alimentare il corpo è necessario per vivere questa vita; alimentare l’anima è indispensabile per viverla bene e conservarla per la vita eterna


Don Leonardo M. Pompei,XVIII Domenica del tempo ordinario, anno A
Letture:Is 55,1-3; Sal 144; Rm 8,33.37-39; Mt 14,13-21
“Dacci oggi il nostro pane quotidiano”. Queste parole che Gesù ha voluto consegnarci come parte dell’orazione domenicale sono un’ottima rampa di lancio per cogliere con un bel volo di gabbiano il messaggio fondamentale della liturgia della Parola di questa domenica. Sia la prima lettura che il Vangelo fanno riferimento al pane e alla Provvidenza che Dio esercita affinché i suoi figli non ne siano privi.Accanto al livello e al senso letterale (che quasi mai manca nei testi biblici e che la Chiesa ha da sempre raccomandato di ritenere sempre come primo e fondamentale livello di interpretazione), i testi si aprono anche ad una lettura spirituale, consentendo di stabilire un parallelismo tra la vita del corpo e quella dello spirito.…

Quanto è importante Dio per me?

Immagine
Cosa sono disposto a fare per conoscere meglio il Signore ed accogliere il dono inestimabile del suo Regno?


Don Leonardo M. Pompei, XVII Domenica del tempo ordinario, anno A Letture: 1 Re 3,5.7-12; Sal 118; Rm 8,28-30; Mt 13,44-52
“O Padre, fonte di sapienza, che ci hai rivelato in Cristo il tesoro nascosto e la perla preziosa, concedi a noi il discernimento dello Spirito, perché sappiamo apprezzare fra le cose del mondo il valore inestimabile del tuo regno, pronti ad ogni rinunzia per l’acquisto del tuo dono”. Queste parole dell’orazione colletta propria della diciassettesima domenica dell’anno A esprimono in maniera meravigliosa il messaggio focale dell’odierna liturgia della Parola, sintetizzabile in alcune semplici domande: “quanto vale per me il Regno di Dio? Quanto è importante per me conoscerlo? Cosa sono disposto a fare per entrare in esso?”. La pagina evangelica di questa domenica contiene le ultime tre delle sette parabole sul regno di Dio riportate nel capitolo tredicesimo del…

Dio può tutto ciò che vuole, ma non vuole tutto ciò che può

Immagine
Dio sa sempre quello che fa. Lasciamolo fare, senza osare mai giudicarlo

Don Leonardo M. Pompei, XVI Domenica del tempo ordinario, anno A Letture: Sap 12,13.16-19; Sal 85; Rm 8,26-27; Mt 13,24-43

“Dio può tutto ciò che vuole ma non vuole tutto ciò che può”. Queste parole sono la descrizione del grande e importantissimo messaggio che la liturgia di questa sedicesima domenica del tempo ordinario intende proporre ai fedeli, sullo sfondo del quale si trova il grande e annoso interrogativo dell’uomo: “da dove viene il male? E perché Dio, pur potendo, non lo impedisce?”.Lo splendido brano del libro della Sapienza inizia subito affermando che Dio non deve affatto difendersi dall’accusa di essere ingiusto, perché ciò che Egli fa è solo e soltanto “avere cura di tutte le cose”. Il male non è da Lui né voluto, né provocato, né benedetto, né avallato, né approvato, ma solo tollerato. Il male non ha tutto il potere distruttivo che vorrebbe sprigionare: Dio lo permette (tollerandolo) solo in piccola …

La potenza santificante della Parola di Dio

Immagine
Quando le tue parole mi vennero incontro, le divorai con avidità; la tua parola fu la gioia e la letizia del mio cuore, perché io portavo il tuo nome, Signore, Dio degli eserciti


Don Leonardo M. Pompei, XV Domenica del tempo ordinario, anno A Letture: Is 55,10-11; Sal 64; Rm 8,18-23; Mt 13,1-23
“Quando le tue parole mi vennero incontro, le divorai con avidità; la tua parola fu la gioia e la letizia del mio cuore, perché io portavo il tuo nome, Signore, Dio degli eserciti” (Ger 15,16). Questo splendido versetto tratto dal libro del profeta Geremia non fa parte della liturgia di questa quindicesima domenica del tempo ordinario dell’anno A, ma ne sintetizza mirabilmente e splendidamente il messaggio e il contenuto essenziale. Questa Domenica potremmo chiamarla “la Domenica della Parola di Dio”, anche in ricordo della domenica ad essa dedicata recentemente istituita dal regnante pontefice.La parola di Dio è e dovrebbe essere oggetto della nostra attenzione, direzione della nostra ricerca, fo…

Quel che tutti cercano e quasi nessuno trova...

Immagine
"Solo Gesù può dare pace e riposo a chi è affranto e sovraccaricato dai pesi e dagli affanni della vita"


Don Leonardo M. Pompei, XIV Domenica del tempo ordinario, anno A Letture: Zc 9, 9-10; Sal 144; Rm 8, 9. 11-13; Mt 11, 25-30
Una delle più grandi aspirazioni dell’uomo - di ogni uomo di ogni tempo e di ogni luogo - è certamente quella di trovare almeno un poco di pace. La pace interiore, la tranquillità e la serenità è qualcosa che sicuramente sono in moltissimi a cercare, ma quasi nessuno riesce a sapere dove siano. La liturgia di questa quattordicesima domenica del tempo ordinario culmina nella promessa di Gesù di “dare ristoro” - meglio ancora sarebbe tradurre dal greco “dare riposo” - a coloro che sono stanchi e “sovraccaricati” da tante preoccupazioni, da tante pene, da tanti pensieri e agitazioni di ogni sorta. In altre parole a chi sente di “non farcela proprio più”, è giunto al punto di esautorazione ed esasperazione ed è alla disperata ricerca di un aiuto. Paradossal…

Chi accoglie voi, accoglie Me

Immagine
La nostra salvezza dipende da come accogliamo i doni e gli inviati di Dio


Don Leonardo M. Pompei, XIII Domenica del tempo ordinario, anno A Letture: 2 Re 4,8-11.14-16a; Sal 88; Rm 6,3-4,8-11; Mt 10,37-42
Il messaggio fondamentale che la Chiesa vuole trasmettere ai suoi figli attraverso la liturgia della Parola di questa tredicesima domenica del tempo ordinario è “accogliere”. Un verbo di uso comune su cui è bene tuttavia fermare l’attenzione, perché è il filo che unisce e sintetizza il senso delle tre odierne letture.  La facoltosa donna di Sunem accoglieva sempre il profeta Eliseo invitandolo alla sua mensa. Un giorno decise di invitarlo non solo a trascorrere anche la notte, ma addirittura volle preparare ed allestire per lui una camera all’interno della sua stessa casa, perché “l’uomo di Dio”, il “santo”, potesse ritirarvisi ogni volta che si fosse trovato da quelle parti. La sua ricompensa - peraltro non da lei richiesta, ma fortemente voluta in segno di gratitudine da parte del servo…

Non abbiate paura...

Immagine
Perché non si muove foglia che Dio non voglia


Don Leonardo M. Pompei, XII Domenica del tempo ordinario, anno A Letture: Ger 20, 10-13; Sal 68; Rm 5,12-15; Mt 10,26-33
“Non abbiate paura”. Per due volte nel Vangelo di questa dodicesima Domenica del tempo ordinario, Gesù rivolge quest’esortazione ai suoi apostoli, mentre prospettava loro le inevitabili persecuzioni - alcune feroci e cruente - a cui sarebbero andati incontro per il loro essere discepoli, amici e araldi del Divino Maestro. Una realtà - quella della persecuzione - già ampiamente nota nella storia del popolo di Israele, come testimonia la vicenda del profeta Geremia (prima lettura), uno dei più maltrattati e tribolati tra i profeti a causa dell’irreprensibile fedeltà nell’adempiere il mandato di annunciare la parola del Signore così come la riceveva, senza edulcorazioni, adattamenti o indebite glosse.“Non abbiate paura”. Questo dolce incoraggiamento di Gesù fa eco ai tantissimi “non temere” di cui è costellata la Sacra Scrittu…